Il cuore della Dalmazia

Il cuore della Dalmazia

Home / Ispirazione / Il cuore della Dalmazia

Paulo Coelho ha detto: «Ascoltando i gruppi corali dalmati, ho capito che i croati hanno un’anima che dovrebbe essere mostrata al mondo». E davvero, l’ascolto dei gruppi corali dalmati vi porta direttamente nel cuore della Dalmazia. Dai tempi antichi, i dalmati mettono in un canto corale le proprie emozioni e l’amore. In queste canzoni di espressa melodiosità, conoscerete la vera Dalmazia. Qui la storia ottiene un senso. Si canta del superamento dei momenti difficili nella storia, ma anche delle esperienze quotidiane. L’ispirazione è rappresentata da un bel paesaggio e dall’amore per esso. La vastità del mare, natanti e fari, l’amore tra due persone, la vita di tutti i giorni… tutte queste emozioni riversate in una canzone eseguita da un gruppo di amici per rendere l’animo più leggero, e la canzone echeggia in Dalmazia. Nel 2012 il canto corale è stato inserito nell’elenco del patrimonio culturale immateriale. Vi presentiamo l’inno simbolico della Dalmazia “Dalmatino povišću pritrujena” (Dalmazia, resa esausta dalla storia) e due bellissime canzoni d’amore! Godete e non perdetevi l’esperienza di sentire dal vivo la bellezza di un canto corale durante la vostra vacanza!

Dalmatino, povišću pritrujena
Pute, laze pizon dubli tovari
Gustirne žedne mijun sići i lati
Konkulana škina težakov od motik
Po žurnatin pritrujena
Prage kalet žnjutin dubli puntari

Naboj Dalmatine rebati na drači
Kroz kadene dicu čićan pasli
A judi driti ka kolone
Dalmatino, povišću pritrujena

Intradu pravice s tilin štrukali
Dalmatino, povišću pritrujena
Rod puntarski resa na drači
Dalmatino, povišću pritrujena

Ditinstvon gladnin povist štukali
Dalmatino, povišću pritrujena
Kroz kadene dicu čićan pasli
A judi driti ka kolone
Dalmatino, povišću pritrujena

Dalmazia, resa esausta dalla storia,
Sentieri e passaggi, caricati di generi alimentari, schiacciavano gli asini
Cisterne assetate, quasi asciugate, accarezzano il secchio e l’innaffiatoio (l’acqua è preziosa — non ci sono molte fonti naturali)
Le schiene spezzate dei contadini dal lavoro con la zappa (strumento per scavare)
dal-lavoro in affitto – lavoro per salario – paga per una giornata esaurito
Nelle lastre di pietra di stradine strette con le caviglie sprofondavano i ribelli, i patrioti, i sostenitori dei diritti del popolo

La canzone della Dalmazia echeggia sul terreno pietroso,
Attraverso le catene – in condizioni difficili della vita, le donne allattavano – nutrivano i bambini
E le persone con la schiena ritta – risolute come colonne di pietra – pilastri
Dalmazia, resa esausta dalla storia,

I doveri ricambiavano con le vite-corpi
Dalmazia, resa esausta dalla storia,
Stirpe ribelle cresciuta sulle spine
Dalmazia, resa esausta dalla storia,

Costruivano la storia con un’infanzia affamata
Dalmazia, resa esausta dalla storia,
Attraverso catene nutrivano i bambini
E le persone con la schiena ritta come colonne di pietra
Dalmazia, resa esausta dalla storia.

Queste sono canzoni d’amore cantate da gruppi corali:

VILO MOJA

Skoro saki put
kad se mi pogjedamo
ti i ne odzdravis
ko da se ne poznamo

A da mi te sebi zvat
kad ces zaspat
prvo sna da ti recen
da volin te jos

Ref.
Vilo moja
ti si moj san, ti si moj san
a lagje bilo bi da si tuja m
da te ne poznan, da te ne znan

MIA FATA

Quasi ogni volta
Quando ci guardiamo
Tu non mi saluti
Come se non ci conoscessimo

E vorrei chiamarti vicino a me
Quando vai a dormire
Per dirti, prima di dormire
Che ti amo ancora

Rit.
Mia fata
Tu sei il mio sogno, tu sei il mio sogno
E sarebbe più facile che mi fossi estranea
Che non sappia chi sei, che non ti conosca

VRIME O’ MIŽER’JE

Samo jubav ostaje
Vrime o’ mižer’je

Čuvaj za me pokraj sebe misto
Neka je u tisno
Kad se opet rodin ja ću isto
Jerbo je vrime o’ mižer’je
Jerbo nam samo jubav ostaje

Vrata raja ti otvori za me
Kontra tramuntane
Di je bolji svit
Di je lice Gospa Ružarice
Di će nebo za me
Tebe providit

TEMPO DIFFICILE

Resta solo l’amore
È un tempo difficile

Tieni un posto per me vicino a te
Anche se stretto
Quando nasco un’altra volta, farò tutto di nuovo
Perché il tempo è difficile
Perché ci rimane solo l’amore

Aprimi le porte del paradiso
Nonostante la tramontana – vento freddo
Là dove c’è un mondo migliore
Dov’è il volto della Madonna – Vergine – Madre di Dio
Dove il cielo mi
Farà dono di te.